Giovanni Scoto Eriugena – Divisione della Natura

Il “De divisione naturae” costituisce una grande epopea metafisica intorno al concetto di natura considerato come la totalità delle realtà esistenti e non esistenti. L’articolazione dell’opera in cinque libri ripercorre la suddivisione della natura nelle sue quattro principali divisioni: la natura creante e non creata, cioè Dio inteso come causa del tutto, la natura creante e creata, cioè il Verbo di Dio all’interno del quale si individuano i principi generali della creazione, la natura non creante e creata, costituita dalla processione della seconda natura all’interno del mondo creato, e infine la natura non creante e non creata cioè Dio considerato come fine ultimo cui tendono tutti gli esseri creati. Accanto a questa struttura, che ricalca le teorizzazioni dei filosofi neoplatonici, si trova un vasto commentario ai primi sei giorni della creazione secondo il racconto della Genesi, all’interno della quale l’uomo costituisce il centro di maggiore interesse in quanto, grazie alla sua funzione mediatrice, costituisce contemporaneamente la ragione della processione dalle cause negli effetti e il punto di partenza grazie al quale la molteplicità del mondo materiale potrà ricongiungersi con il suo principio originario, cioè Dio.

Autore: Giovanni Scoto Eriugena (cur. Nicola Gorlani)
Pubblicazione:
Divisione della natura (De Divisione Naturae sive Periphyseon)
Editore: Bompiani (Il Pensiero Occidentale)
Luogo: Milano
Anno: 2013
Pagine: 2592
Vedi anche:
Maria Bettetini: Un monaco tra eresia e mistica

Annunci