Lessico iconografico-simbolico – Numeri, cifre e figure geometriche: altri numeri

Numeri, cifre e figure geometriche: altri numeri (LS)

image_thumb[4]

… I racemi ravvolti, cosparsi di fiorellini solari, che compaiono nella cornice del timpano di Saint-Ursin, formano un meandro ininterrotto: si è detto sopra che disegnano dodici S, ma possono esserne calcolate anche ventiquattro, dodici da un lato e dodici dall’altro, sempre che si tenga presente che ciascuna voluta può essere contata due volte, essendo tutte, contemporaneamente, volute superiori di una S e inferiori di un’altra, rovesciata rispetto alla prima; al centro, nella chiave di volta, un piccolo personaggio rappresenta il solstizio d’estate, a partire dal quale i giorni decrescono. Si direbbe che l’artista abbia voluto evocare, ad un tempo, le ore del giorno e della notte su ognuno dei due lati e le due parti dell’anno, attraverso la rigorosa ripartizione dei fiorellini indicanti l’intensità dell’insolazione e la sua durata. Le curve ascendenti dominano a sinistra, lato che corrisponde ai due primi trimestri, ai giorni crescenti. I fiorellini a loro volta, sono più numerosi a sinistra, all’altezza della primavera, e a destra, in corrispondenza dell’estate e dell’autunno, periodi in cui i giorni soleggiati sono più numerosi …

Annunci

Lessico iconografico-simbolico – Numeri, cifre e figure geometriche: nove

Numeri, cifre e figure geometriche: nove (LS)

image_thumb[3]

… Indubbia sorpresa suscita vedere il numero Nove richiamato due volte sull’architrave del portale di Saint-Ursin a Bourges, sotto la forma di sfere, una volta all’interno e un’altra volta all’esterno del filare di volute frondose, e soprattutto costatare come, in questo secondo caso, esse siano disposte in modo da formare le punte alternate di un immaginario fregio orizzontale a zig-zag …

Lessico iconografico-simbolico – Numeri, cifre e figure geometriche: otto

Numeri, cifre e figure geometriche: otto (LS)

Risultati immagini per battistero santa tecla

… Per esaltare il battistero a Otto nicchie, annesso alla basilica di Santa Tecla a Milano, sant’Ambrogio compose un breve carme destinato a essere trascritto sulle pareti dell’edificio: «Le otto nicchie di questa chiesa sono aperte per i sacri riti. Otto angoli hanno i suoi fonti come si addice ai suoi doni. Era opportuno fondare questo edificio per il santo battesimo su un numero sacro; è la salvezza che il popolo qui riceve» …

Lessico iconografico-simbolico – Numeri, cifre e figure geometriche: sei

Numeri, cifre e figure geometriche: sei (LS)

Risultati immagini per chi ro

… il crisma, come si sa, è formato dalle due lettere greche chi (X) e ro (P), le prime della parola Christos, il Cristo: essendo composto da un’asta verticale, quella della ro, e da una croce rovesciata, la chi, il crisma costituisce un motivo a sei bracci, col quale si esprime la potenza del Cristo. La chi, però, già di per sé è simbolo di potenza, in quanto indica la regolazione delle cose create, la signoria dell’universo e l’universo stesso nell’ordine dello spazio e nell’ordine del tempo: i primi cristiani, dal canto loro, non avevano tardato a scoprire che, mettendo insieme la coppia chi-ro e la prima e l’ultima lettera dell’alfabeto, alfa e omega (che nell’Apocalisse hanno il significato di principio e di fine), si veniva a formare il verbo archô, la forma greca del latino praesum, impero …

Lessico iconografico-simbolico – Numeri, cifre e figure geometriche: tre e quattro

Numeri, cifre e figure geometriche: tre e quattro (LS)

OBSECRO VOS FRATRES AQUILONIS VINCITE PATRES

SECTANTES CLAUSTRUM QUIA SIC VENIENTIS AD AUSTRUM

TRIFIDA QUADRIFIDUM MEMORET SUCCENDERE NIDUM

IGNEA BISSENIS LAPIDUM SIT UT ADDITA VENIS

PAX HUIC DOMUI

L’interesse di una simile iscrizione sta nel fatto che essa sostiene il simbolismo solare e rotatorio dei chiostri illuminati dal Cristo, Sole di Giustizia (cfr. Malachia, III, 20: «Per voi che temete il mio nome sorgerà il sole di giustizia con la salvezza nei suoi benefici raggi, e voi uscirete e sarete liberi, come vitelli ingrassati che escono dalla stalla»); lo stesso simbolismo che si ritrova a Le Puy, a Elne e nei chiostri musicali della Catalogna. Questo interesse viene ulteriormente rafforzato dalla presenza di un Cristo cornuto – si tratta di corna lunari –, la cui doppia barba sta a indicare i raggi del sole; si trova su un architrave, nello stesso chiostro. Quanto al simbolismo dei punti cardinali, Aquilone e Austro, esso si ispira a Geremia, I, 14 («Mi disse il Signore: Dal settentrione si diffonderanno i mali sopra tutti gli abitanti della terra») e a Giobbe, XXVI, 7 («Egli stende il settentrione sul vuoto e sospende la terra senza alcunché che l’appoggi»), mentre le espressioni trifidus e quadrifidus provengono da Virgilio e da Ovidio, e i numeri mistici da sant’Agostino (De musica), Eucherio di Lione e Rabano Mauro. Li riprenderà più tardi Ugo da San Vittore. L’espressione bissenis è invece un modo d’insistere sul numero Sei, numero importante così ripetuto; altrettanto significativo è, insieme col Tre e col Quattro, il loro prodotto: Dodici. Come l’alfabeto del chiostro di Moissac, come la scrittura a «rovescio» dei nomi degli Evangelisti a Brioude, come le corrispondenze musicali dei chiostri catalani, l’iscrizione di Vaison-la-Romaine mette in luce la tendenza esoterica dell’iconografia romanica.

Lessico iconografico-simbolico – Numeri, cifre e figure geometriche: due in uno

Numeri, cifre e figure geometriche: due in uno (LS)

image

… se si considera che si hanno in generale tre termini per esprimere la Divinità, un dio e due geni, o angeli, che lo accompagnano, la tendenza egiziana è quella di porre l’accento sull’Uno, il dio, mentre quella mesopotamica lo pone sul Due, gli accoliti della divinità. La stessa differenziazione si riscontra nell’arte romanica fra le disposizioni dell’una e dell’altra zona …

Lessico iconografico-simbolico – Numeri, cifre e figure geometriche: introduzione

Numeri, cifre e figure geometriche: introduzione (LS)

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

… il simbolismo numerico dell’arte romanica è più ricco e più significativo di quello dell’arte gotica; questa, al confronto, rappresenta piuttosto un sistema di classificazione, legato a una scolastica arida e povera di linfa. L’arte gotica non fa che sviluppare dappertutto delle summae, degli «specchi», capaci, con l’abuso che fanno della simmetria, di soddisfare più la ragione che il cuore. Le cifre romaniche, che non vanno mai al di là del Dieci, qualche volta del Dodici, sono molto più vicine a Pitagora, a un approccio profondo, magico, dell’essenza delle cose…