Immagine e simbolo in Proclo: il racconto mitico

La medesima distinzione tra rappresentazione eicastica e significazione traslata viene messa a tema da Proclo, ancora all’interno del commentario alla Repubblica, attraverso la distinzione tra due differenti tipologie di racconti mitici. Il Diadoco, infatti, afferma che esistono miti di natura paidetica,
ovvero adatti all’educazione dei più giovani, e quelle enteastici,
ispirati dalla divinità. I miti paidetici corrispondono alla dimensione della comunicazione mediante εἰκόνες, immagini; tale tipologia di miti si fonda su una somiglianza e una relazione evidente e diretta tra segno (il discorso mitico) e il suo referente (la verità che viene espressa nel mito stesso). I miti educativi, quindi, utilizzano simboli simili (letteralmente “l’elemento più simile all’interno dei simboli”) e immagini (εἰκόνες) per dare indicazioni morali ai giovani.

I miti enteastici, invece, sono definiti da Proclo come “simboli dissimili” (ἀπεμφαινόντοι) e segni segreti ed indicibili (ἀπόρρητα συνθήματα). Tali miti permettono di cogliere una parziale manifestazione della monade originaria e delle realtà divine (Proclo precisa, infatti, che essi racchiudono una grande potenza, ἠλίκη δύναμις), mediante un complesso meccanismo semiotico. Le vicende simboliche narrate nei miti ispirati sono dissimili rispetto ai reali referenti ai quali esse rimandano; il meccanismo che fonda il rapporto tra simbolo e realtà simboleggiata deve, infatti, essere identificato con il principio dell’opposizione, in ragione del quale il dissimile è richiamato dal dissimile. I simboli, quindi, nella misura in cui sono simboli, afferma Proclo, non possono essere immagini somiglianti (μιμήματα) delle cose da essi simboleggiate, ma rimandano attraverso una apparenza mostruosa (φαινόμενα τερατολογία) alle realtà intelligibili, veicolando una superiore conoscenza teologica.

II Diadoco, tuttavia, descrivendo la natura del simbolo e le modalità attraverso le quali esso rinvia al proprio referente, afferma che la relazione simbolica si fonda su un rapporto di analogia (δι’ ἀναλογίας μονῆς) e di simpatia, del tutto identico al principio metafisico che congiunge le ipostasi superiori del cosmo con quelle inferiori. I simboli, quindi, benché siano difformi dalla realtà alla quale rimandano, risultano a questa legati da un rapporto di analogia che fonda e rende possibile la stessa significazione simbolica.

Se, quindi, Proclo descrive l’immagine come la tipologia segnica che è genericamente somigliante alla realtà alla quale rimanda, il rapporto tra simbolo e cosa simboleggiata appare più complesso. Nel simbolo, segno e referente appaiono del tutto dissimili e opposti: i σύμβολα, al pari della poesia ispirata e dei miti enteastici, non devono essere decifrati secondo le leggi dell’imitazione (non sono una semplice mimesi delle realtà significate: in questo caso sarebbero veramente racconti scabrosi ed inaccettabili). Al tempo stesso, tuttavia, il simbolo appare connesso al proprio referente da una qualche similitudine, da una ratio analogica che Proclo avvicina alla “simpatia” universale. Una autentica comprensione del meccanismo della significazione simbolica richiede, quindi, una più approfondita analisi della categoria del “simile”, che pur comparendo più volte nei testi del Diadoco non è mai oggetto di una sistematica discussione che ne definisca la natura e faccia chiarezza della sua ambiguità semantica.

Autore: Francesco Paparella
Pubblicazione: Le teorie neoplatoniche del simbolo. Il caso di Giovanni Eriugena
Editore
: Vita e Pensiero (Temi metafisici e problemi del pensiero antico. Studi e Testi, 111)
Luogo: Milano
Anno: 2008
Pagine: 28-29

Annunci

Una risposta a “Immagine e simbolo in Proclo: il racconto mitico

  1. Pingback: Immagine e simbolo in Proclo: il racconto mitico | ontosofiax

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...